Hyundai Ioniq

L'ibrido secondo Hyundai

Moderna ma non stravagante, la Hyundai Ioniq è un'ibrida comoda, pratica e dalla guida facile e gradevole. E promette anche di consumare pochissimo; ottime le finiture. La Hyundai Ioniq si dimostra la perfetta alternativa a Prius e a tutto il mercato dell'ibrido grazie a un vero cambio automatico a doppia frizione e alla piacevolezza di guida.

Interamente nuova, la Hyundai Ioniq è una cinque porte lunga circa quattro metri e mezzo, dalle linee filanti (con un Cx pari ad appena a 0,24) e moderne, ma anche armoniche. Tra gli elementi distintivi, il frontale con fari sottili che si integrano nell'ampia mascherina a “U”, il tetto perfettamente ad arco e la coda alta, con le luci posteriori che affiancano la parte verticale del lunotto diviso in due parti. Ma la vera particolarità sta sotto il cofano. La Ioniq sarà disponibile in tre versioni. L'ibrida del nostro test ha un motore a benzina e uno a corrente, e si vedrà in Italia a inizio ottobre. Ci sono poi due modelli ancor più ecologici: la Ioniq completamente elettrica, il cui debutto è previsto per fine anno, e l'ibrida plug-in (ovvero con batterie più grandi di quelle della Hybrid, ricaricabili anche collegandosi con un cavo alla rete elettrica), in arrivo nella prima parte del 2017. 

L'abitacolo della Hyundai Ioniq non punta a stupire, ma, piuttosto, a essere pratico e ospitale. Lo dimostra subito la plancia, che è semplice ed elegante e ha un design “morbido”. Nella parte alta della consolle ospita il display a sfioramento di 8” del sistema multimediale, che include un valido navigatore con mappe della TomTom e i protocolli AppleCar Play e Android Auto, per la più estesa integrazione possibile del proprio smartphone con il sistema dell'auto.

Anche il cruscotto è uno schermo digitale; si legge senza problemi e fornisce parecchie informazioni, incluso lo stato di carica della batteria. Scegliendo la modalità di guida di guida Sport (spostando sulla sinistra la leva del cambio) viene visualizzato anche il contagiri del 1.6. Le finiture sono realizzate con una certa cura.